L’Abruzzo in ritardo sul POR FESR 2014-2020 e le parti sociali inviano proposta comune.

L’Abruzzo in ritardo sul POR FESR 2014-2020 e le parti sociali inviano proposta comune.

Le Associazioni datoriali e le Organizzazioni dei lavoratori dell’Abruzzo hanno inviato una lettera al Presidente della Giunta, Luciano D’Alfonso, sulla nuova programmazione POR FERS 2014-2020.

            “La nostra Regione, purtroppo, - ricorda SPINA -, si è fatta trovare impreparata, ricevendo 192 osservazione al Por Fers  ricevendo 192 osservazioni dalla Commissione Europea con le quali richiedeva  modifiche al testo. Cambiamenti, che  come Organizzazioni avevamo sottolineato mettendo in evidenza i limiti e  suggerendo modificare al documento prima dell’invio a Bruxelles. Siamo stati inascoltati, - denuncia Maurizio Spina-.”

            “La Commissione ha richiesto nel nuovo Por fesr di  valorizzare il tavolo di partenariato. Abbiamo ripreso il  confronto unitario, coinvolgendo anche le Organizzazioni datoriali, per l'elaborazione di un documento di proposte e modifiche alla nuova versione aggiornata al mese di marzo, - continua Maurizio SPINA. È urgente che il nuovo Por venga approvato in tempi brevi per mettere a disposizione della ripresa economica ed occupazionale ancora debole in Abruzzo, ulteriori risorse nel 2015 che si aggiungono alla vecchia programmazione 2007-2013 e a quelle dei FAS.”

            Le Associazioni datoriali e le Organizzazioni dei lavoratori dell’Abruzzo nell’analisi della nuova versione del testo hanno evidenziato delle novità molto importanti, come una  decisa concentrazione delle risorse e un approccio di programmazione unitaria con FS, FEARS, FEAMP e nuovo FSC. Inoltre, raccomandano di comporre  un gruppo “dedicato” esclusivamente alla progettazione ed attivazione dei bandi, selezionando la qualità degli interventi e la reale capacità degli stessi di essere addizionali rispetto all’ordinaria attività del sistema economico.

            “Emerge l'esigenza di potenziare e organizzare al meglio il dipartimento della programmazione della Regione e di attrezzarsi per reperire le risorse, a causa della riduzione di quelle della programmazione 2014-2020 rispetto alla precedente programmazione 2007-2013 , in modo da essere pronti appena Bruxelles ci da  il suo OK, - conclude SPINA”.

Il Segretario CISL AbruzzoMolise

             Maurizio Spina

Condividi su...

NOTIZIE - FEDERAZIONI

    Labor TV

    La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto