Tesseramento Cisl 2022

Congresso Cisl Nazionale

Congresso Cisl Nazionale

Si sono conclusi, sabato sera i 4 giorni intensi del Congresso Nazionale #Cisl nella cornice romana della Fiera che hanno confermato Luigi Sbarra Segretario Generale della Cisl.

Eravamo oltre mille delegati provenienti da tutta Italia.

Con una nutrita delegazione della Cisl AbruzzoMolise abbiamo partecipato ai lavori congressuali che sono stati aperti dall’Inno d’Italia ed europeo. 
La celebre frase di Tina Anselmi #essercipercambiare ci ha guidato in questi giorni.

Si sono alternati dibattiti e interventi, sono stati organizzate tavole rotonde e commissioni, con ospiti internazionali, politici, sindacati ed istituzioni.

Abbiamo ritirato il premio Cisl "Flavio Cocanari"  per la storia di Stella, nome di fantasia, che si è trovata ad affrontare la pandemia in un grave disagio economico e con due bambini, di cui uno affetto da autismo. Grazie alla Cisl AbruzzoMolise e all’Anteas Molise ha ottenuto assistenza anche durante il lockdown, presentato istanze di benefici, ricevuto beni alimentari di prima necessità. La Cisl grazie a questo incontro ha sottoscritto protocolli e instaurato collaborazioni con Caritas, centro antiviolenza e associazioni del territorio molisano.

La Cisl Nazionale ha riconosciuto la Menzione Speciale, perché vuole mettere al centro del dibattito il tema del disagio economico di una giovane donna collegato al problema della disabilità.

 

La relazione del Segretario Generale Luigi Sbarra ci ha fornito molti spunti di riflessioni su un’azione sindacale capace di affrontare le nuove sfide per superare le difficoltà di questi ultimi anni che si chiamano pandemia e conflitto in Ucraina.

Dal palco Sbarra ha proposto di ripensare nuove relazioni sociali ed industriali partendo dal basso, attraverso l’incontro negoziale e la bilateralità.

Tutto questo mettendo al centro la crescita della sicurezza nei luoghi di lavoro.

La Cisl in questi difficilissimi anni ha contribuito in modo splendido a tenere unito il Paese.                     Ripartire dal lavoro, dalla centralità della persona per far ripartire il Paese grazie al rapporto con produzione, consumo, ambiente. Una nuova dignità del lavoro difendendo salari e pensioni. Occorre una nuova politica dei redditi, rinnovare tutti i contratti privati e pubblici, ridurre il peso fiscale, rendere stabile e sicuro il lavoro.

Per la Cisl il Pnrr rappresenta “Un Piano Marshall" che nei prossimi 5 anni muove quasi 400 miliardi: ce n’è abbastanza per cambiare il volto del Paese.

Il lavoro non può essere precarietà, caporalato, sfruttamento, non può coesistere con discriminazioni, molestie, violenze, non può tramutarsi in causa di sofferenza e di morte. La sicurezza nei luoghi di lavoro deve diventare la nostra ossessione, "le persone lavorano per vivere non per morire".
L’Italia, l'Abruzzo e il Molise si rialzeranno solo con l' unità o non si rialzeranno, non mettendo gli uni contro gli altri lavoratori e pensionati, italiani e migranti, Nord e Sud e con il riconciliare giovani, lavoratori e anziani, tre parti complementari della stessa comunità.

L' Abruzzo e il Molise, nonostante la centralità geografica, rischiano di perdere capacità attrattiva ma grazie ad una rinnovata azione sindacale, dando un giusto protagonismo alle nostre prime linee, delegate e delegati, riusciremo ad affrontare le sfide che ci attendono ma soprattutto a ridare speranze alle famiglie.

Il cambiamento chiama il sindacato a interventi di innovazione anche su se stesso. La Cisl dovrà spostare il baricentro sempre più sui territori, coinvolgere giovani, donne, migranti, integrare i tanti nuovi lavoratori e quelle fasce ancora poco rappresentate.

Il Sindacato con responsabilità deve osare. Lo stile del FARE è della Cisl."Fare squadra e fare rete" sono le parole chiavi che ci dovranno accompagnare per i prossimi anni e per ridare centralità alla persona e al lavoro nelle scelte politiche future.

#essercipercambiare

Giovanni Notaro

Il Segretario generale

 

 

Condividi su...

La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto