Tesseramento Cisl 2022

Nov04

Novità e regole sull’accensione dei caloriferi per la stagione invernale 2016-2017

Categories // Notizie - Adiconsum

Novità e regole sull’accensione dei caloriferi per la stagione invernale 2016-2017

Dal 15 ottobre, nelle zone climatiche E ed F, e dal 1° novembre, nella zona climatica D, è possibile accendere i riscaldamenti centralizzati del condominio, per un certo numero di ore che varia a seconda della zona climatica e delle eventuali ordinanze disposte dai sindaci.

 

Nella tabella sottostante ricordiamo le zone climatiche in cui è suddivisa la nostra penisola insieme al periodo e alla durata dell’accensione.

 

 

 

 

N. B.: Se non conosci a quale zona climatica appartiene il tuo Comune, clicca qui

 

 

Ma quest’anno, c’è un’altra novità che riguarda in particolare i riscaldamenti condominiali ed è l’installazione delle termovalvole e dei contabilizzatori di calore.

 

Il 31 dicembre scade, infatti, il termine per installare tali dispositivi che regolano la temperatura dei caloriferi e consentono di risparmiare fino al 20% in bolletta.

Tutti i condomini dotati di riscaldamento centralizzato in Italia si dovranno dotare di valvole termostatiche e contabilizzatori sui caloriferi, pena una sanzione da 500 a 2.500 euro. Ma come funzionano?

 

·      Le termovalvole regolano automaticamente lo "spegnimento" del termosifone, quando questo ha raggiunto una temperatura desiderata, che va da 0 a 5

·      I contabilizzatori, applicati a ciascun calorifero, permettono, invece, di calcolare esattamente i propri consumi.

 

ATTENZIONE: Se da un lato, infatti, ci dovrebbe essere un risparmio in bolletta, dall'altro bisognerà tenere conto di nuovi costi a partire dall’installazione dei dispositivi sul termosifone (tra i 120 e i 140 euro) e anche perché potrà essere necessario affidare ad un tecnico la lettura costante per calcolare i consumi, dai gradi alle calorie consumate.

L’installazione delle termovalvole e dei contabilizzatori è stata resa obbligatoria dal  decreto legge 102 del 2014 in attuazione della direttiva europea 2012/27/UE sull'efficienza energetica.

 

Di seguito riportiamo 10 regole ANTISPRECO da mettere in atto per risparmiare sulla bolletta.

 

Regola n. 1: manutenere correttamente gli impianti. È la prima regola da osservare perché il controllo periodico rende più sicuro l’impianto, permette un significativo risparmio sulla bolletta, previene il ricorso a costosi interventi straordinari, evita il pagamento di sanzioni e riduce il negativo impatto sull’ambiente

Regola n. 2: scegliere la giusta temperatura (20-22°C); temperature troppo alte fanno male alla salute e al portafoglio

Regola n. 3: rispettare il numero di ore di accensione. Variano a seconda della zona climatica di appartenenza del proprio Comune

Regola n. 4: installare i cronotermostati. Permettono di regolare temperatura e ora di accensione e fanno risparmiare

Regola n. 5: installare le valvole termostatiche. Permettono di mantenere costante la temperatura impostata

Regola n. 6: applicare pannelli riflettenti. Posti tra muro e termosifone permettono possono dare un aiuto nel ridurre la dispersione del calore

Regola n. 7: schermare le finestre con le persiane. Tenerle chiuse è un altro trucco per ridurre la dispersione del calore

Regola n. 8: effettuare il check-up della casa. Permette di valutare il consumo energetico e, nel caso non rispetti la normativa, di intervenire

Regola n. 9: cambiare i riscaldamenti obsoleti. Quelli di nuova generazione permettono di risparmiare sulla bolletta e aumentano l’efficienza energetica

Regola n. 10: non porre ostacoli né davanti né sopra i termosifoni.

 

 

 

 

Condividi su...

La CISL AbruzzoMolise si sta adeguando al Regolamento Europeo 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. Piu informazioni. Accetto i cookies da questo sito. Accetto